• top
  • 1 COSTELLAZIONI FAMILIARI SILVIA PALLINI
  • top002
  • COSTELLAZIONI FAMILIARI FIRENZE
  • COSTELLAZIONI FAMILIARI FIRENZE SILVIA PALLINI
costellazioni-familiari-potete-dignita.jpg

costellazioni familiari

 

Le ultime notizie del Blog:

La 4° Legge della Natura

La 4° Legge della Natura

Il sistema ontogeneticamente determinato dei microbi.

Il momento, dal quale possono iniziare a "lavorare" i microbi, non dipende, come avevamo presupposto erroneamente fino ad ora da fattori esterni, ma viene ordinato esclusivamente dal nostro computer cervello.

La 5° legge della Natura

La 5° legge della Natura

La legge sulla comprensione di ogni cosiddetta malattia come parte di un programma speciale biologico sensato della natura alla luce della storia dell'evoluzione.

La quintessenza.

La 5° legge della natura è la vera quintessenza, perché ribalta l'intera medicina.

Quando siamo pronti ad accogliere l'altro, con il suo dolore e le sue ragioni?

La capacità di Perdonare

La capacità di Perdonare

La difficoltà o addirittura l'impossibilità di perdonare è la conseguenza del bisogno di avere prima giustizia, e la giustizia viene ripristinata non dall'esecuzione della sentenza e dalla punizione ma dall'ascolto sincero e empatico del sentito emozionale di chi ha sofferto e sta ancora soffrendo.



Cosa significa donare col Cuore?

La Comunicazione non Violenta

La Comunicazione non Violenta

Un giorno mentre aspettavo una corriera alla stazione degli autobus di San Francisco, mi trovai a leggere un cartello sul muro che diceva: "Ragazzi: non parlate agli sconosciuti". Lo scopo evidente di tale cartello era quello di avvisare gli adolescenti dei pericoli che li attendono in una grande città: tanti malintenzionati, per esempio, abbordano gli adolescenti che sono fuggiti di casa e che vagabondano per le stazioni. Con falsa gentilezza, offrono loro amicizia, un posto dove stare, magari droghe. Nel giro di poco tempo, li costringono a prostituirsi per loro.

Scopriamo i bisogni che ci impediscono di donare dal cuore

La Comunicazione non Violenta di M. Rosenberg

La Comunicazione non Violenta di M. Rosenberg

Quando ero piccolo mio padre mi diceva: "Fammi una tazza di tè". Non mi chiedeva mai se ero impegnato a fare qualcos'altro o se avevo voglia di fargli il tè. Sentivo le sue parole come una PRETESA e, dato che avevo paura delle conseguenze se non obbedivo, finivo ogni volta per preparargli una tazza di tè con riluttanza.

La Comunicazione non Violenta: Non esprimere la Rabbia contro gli altri!

La Comunicazione non Violenta: Non esprimere la Rabbia contro gli altri!

Anche se non può sembrare, la Rabbia ha una funzione vitale in quanto ci risveglia e ci fornisce la spinta ad agire. La sua energia va rispettata e utilizzata in tutta la sua potenza, per capire soprattutto i nostri reali bisogni interiori e non allo scopo di attaccare gli altri.

<<  6 7 8 9 10 [1112 13 14 15  >>  

costellazioni familiari