Accedi al nuovo Blog

SPlogo
e scopri subito i nuovi articoli di Silvia

 

Il Libro Tre Domande per Guarire: Prendiamoci un'ora al giorno per stare bene!

Le azioni che seguono la voce dell’anima ci permettono di realizzare la Vita che vogliamo

Il Libro Tre Domande per Guarire: Prendiamoci un'ora al giorno per stare bene!

Rifletti bene e rispondi onestamente: tratteresti il tuo più caro amico come tratti te stesso/a? saresti felice se tuo figlio vivesse una vita come la tua?

Sarai probabilmente d'accordo con me nel sostenere che si raccoglie quello che si è seminato. Questa è una legge e non fa eccezioni, quindi... Tutto quello che sto raccogliendo l'ho seminato io e se voglio raccogliere qualcosa di diverso devo seminare qualcosa di diverso.

 

Sembra semplice, vero?

Non lo è affatto.

In generale le persone, specialmente se hanno un problema serio, sono disposte a:

- fare lunghi spostamenti per trovare l'operatore 'giusto' o il seminario 'giusto'

- a pagare quanto è chiesto

ma quando io chiedo loro di prendere, tutti i santi giorni, un'ora di tempo solo per se stessi, un'ora da dedicare a fare la cosa 'inutile' che piace tanto, o anche a non fare assolutamente niente, ma semplicemente riposare seduti sotto un albero, allora si alza un mare di obiezioni invalicabili:

- non posso proprio

- non ne ho il tempo

- chi farà quello che devo fare al posto mio

- mi giudicheranno

- mi sento in colpa se non lavoro

- far vedere che non faccio niente non è accettabile per me

- mi riposerò nel fine settimana, durante le ferie...

- comincerò domani

Ti sembra strano?

Bene, allora ti lancio una sfida: prova per due settimane consecutive a prenderti veramente un'ora al giorno per stare bene, veramente bene, un'ora solo per te. Un'ora d'amore per te.

Poi, se ti va, fammi sapere come è andata. Trovi la mia mail nel mio sito www.latuavitapienamente.com

 

Oggi l'umanità è la somma di sette miliardi di persone sofferenti o peggio. Immagina cosa potrebbe succedere se tutti cominciassimo a prenderci veramente cura amorevole di noi stessi. Cura amorevole non significa solo risposta ai bisogni fisiologici, anche, ma non solo. Cura amorevole significa trattare noi stessi come una madre tenera tratterebbe il suo piccolo bambino. Certo non lo sottoporrebbe ai lavori forzati.

Se ognuno di noi facesse questo a se stesso, in breve tempo l'umanità diverrebbe la somma di sette miliardi di persone soddisfatte e serene, che non hanno più bisogno di pretendere o di aggredire gli altri per trovare risposte soddisfacenti.

Sì, proprio adesso, cosa stai pensando?

Stai pensando che sono tutte cavolate, oppure stai pensando "cosa c'entra questo con la mia malattia?".

Certamente la mente non molla e continuerà a riportarti a pensare sempre i soliti pensieri.

Per me va benissimo, io l'ho fatto per molto tempo.

Forse penserai "ok, questa la fa tanto semplice perché non conosce la mia situazione, io veramente non posso prendermi un'ora al giorno, non ce l'ho un'ora al giorno...".

Io ci credo, lo so che riusciamo a chiuderci in gabbie strettissime ma... probabilmente sai anche che un giorno, presto o tardi che sia, dovrai morire.

Non scacciare il pensiero.

Prendilo sul serio.

Te lo garantisco, dovrai morire. E forse prima dovrai rimanere confinato in un letto, incapace di fare qualsiasi cosa. Vedrai che allora troverai una soluzione, ci sarà qualcuno che farà quello che non puoi più fare tu. Lavorerà al posto tuo, farà la spesa, piegherà i calzini ecc...

Non sto scherzando, quello che abbiamo tutti adesso è solo il tempo che ci resta da qui a quando moriremo.

Credo che quello che fa la differenza è come decidiamo di viverlo.

Possiamo continuare a lasciarci trascinare da una corrente, sbatacchiati dove non vorremmo andare (una relazione che non funziona ma che non ho il coraggio di troncare, un lavoro che non mi permette di dare il meglio di me, situazioni non chiarite nelle relazioni con le persone che amo di più, ecc...).

Oppure...

Potremmo cominciare a chiederci davvero:

- ma io cosa voglio dalla vita?

- cosa mi piace veramente?

- cosa di quello che sto vivendo adesso mi fa così tanto male?

- cosa dovrebbe succedere perché mi possa rilassare un po'?

- sono dove voglio essere?

- cosa vuole la Vita da me?

Se ti limiti a leggere le domande non ne avrai alcun beneficio, prova invece a fare tre respiri profondi e a connetterti con la parte più intima di te. A questo punto leggi una domanda per volta e aspetta che dal tuo cuore salga una risposta, ancora meglio se la risposta la scrivi, potrebbe essere spunto di ulteriore riflessione.

Ancora una cosa: ho ripetuto tante volte che quello che cambia la nostra vita sono le azioni, le azioni che seguono la voce dell'anima ci permettono di realizzare la Vita che vogliamo. Te lo garantisco.

Non aspettarti che 'fare' seguendo questa voce ti venga facile, ti assicuro infatti che ti sentirai in colpa, ed è normale. Se per agire aspetti di non sentirti in colpa non lo farai mai, quindi il trucco è questo: sopporta il senso di colpa, reagisci lo stesso.

Nel tempo ti accorgerai che seguendo la voce dell'anima la tua vita cambia e diventa sempre più bella, ma, come per magia, anche quella delle persone che ami risente del tuo cambiamento e tutte le tue relazioni diventano sempre più autentiche e nutrienti.

 

Tratto dal libro di Silvia Pallini

Tre Domande per Guarire.

 

E' possibile acquistare il libro all'interno del sito web Il Giardino dei Libri.