• top
  • 1 COSTELLAZIONI FAMILIARI SILVIA PALLINI
  • top002
  • COSTELLAZIONI FAMILIARI FIRENZE
  • COSTELLAZIONI FAMILIARI FIRENZE SILVIA PALLINI
amorecostellazionifamiliari.jpg

costellazioni familiari

 

Le ultime notizie del Blog:

Alla ricerca della nostra Isola [Le Costellazioni Familiari e Le Favole]

Alla ricerca della nostra Isola [Le Costellazioni Familiari e Le Favole]

Perchè ci affanniamo ogni giorno a trovare la nostra Isola, senza successo? Ascolta la Guida che è sempre stata dentro di te. Leggi la Storia.

 

Questa è la storia di due meravigliosi ragazzi, una lei e un lui, entrambi belli, intelligenti e coraggiosi.

Avevano sentito parlare di una fantastica isola in cui le persone vivevano felici, sane e piene d'amore, allora decisero che non si sarebbero accontentati di niente di meno.

Così vendettero tutto quello che avevano e comprarono un grande barca, la riempirono di tante cose che pensavano potessero essere loro necessarie e partirono pieni di aspettative ed entusiasmo.

Dopo tanti mesi di navigazione cominciarono a scorgere un'isola, si avvicinarono speranzosi e fiduciosi; l'isola era molto bella e le persone sembravano stare bene. Felici decisero di fermarsi. Dopo un po' di tempo si accorsero che la verità era un'altra, quel miraggio giorno dopo giorno cominciò a crollare.

Ma non si scoraggiarono, si guardarono negli occhi, si baciarono e ripresa la loro barca ripartirono. Navigarono ancora tanto tempo fino a che approdarono di nuovo, ma fu la stessa storia...

Ripartirono, si fermarono, ripartirono... Ogni volta più scoraggiati e delusi.

La stanchezza, la delusione e la rabbia ebbero la meglio anche sulla loro relazione, infatti cominciarono a sfogare la frustrazione l'uno sull'altra e ad incolparsi a vicenda dei vari insuccessi.

Ma non mollarono, continuarono a navigare chiedendo ogni volta indicazioni per trovare la loro isola e ogni volta ripartendo nella speranza di avere avuto le giuste notizie.

Passarono anni, ormai erano vecchi, avevano lottato con tutte le loro forze per ottenere quello che volevano, avevano la sensazione di aver provato ormai tutto e quindi decisero di lasciarsi andare, smisero di dirigere la barca e si abbandonarono a quella che per loro era una morte certa.

Un pomeriggio si trovarono sdraiati sul fondo della barca a guardare il cielo, senza più fare fatica, cullati dal dondolio delle onde.

Si sentirono invasi da una strana sensazione e si guardarono negli occhi, a lungo, fu come ritrovarsi dopo tanto tempo, si abbracciarono.

Passò in quel momento proprio sopra di loro uno stormo di uccelli migratori, lui si chiese, parlando a voce alta, come facessero questi animali, stupidi in confronto agli esseri umani, a trovare sempre la rotta giusta.

Lei sorridendo rispose che forse hanno una specie di guida interiore.

Rimasero abbracciati in silenzio.


Quella notte entrambi fecero lo stesso sogno:


un meraviglioso uccello migratore, con le piume azzurro dorate si posa sul timone della barca, loro incuriositi vanno ad osservarlo da vicino e subito si accorgono di essere davanti ad una creatura speciale. L'uccello li guarda e comincia a cantare, questo canto però giunge a loro come composto da concetti e parole.


" Avete perso la rotta per la vostra isola - dice l'uccello - solo perché non avevate le giuste istruzioni; avete cercato tanto ma sempre nei posti sbagliati, avete cercato fuori mentre la guida è sempre stata dentro di voi.


Siete ancora in tempo, se avete voglia di provarci ancora, io vi indicherò la strada e se mi seguirete non potrete più sbagliare". E sparisce.

 

Al mattino lui e lei rimangono allibiti alla scoperta di avere fatto lo stesso sogno e capiscono che sta loro accadendo qualcosa di speciale, ma ancora non sanno cosa.

Lui dice: " Ha detto che dobbiamo seguirlo ma poi è sparito..."

Lei risponde: "Si, ma ha anche detto che la guida è dentro di noi..."

Proprio in quell'istante tutti e due sentono una luce che si accende dentro al loro cuore, è una Luce azzurro dorata, come una Voce interiore che li rassicura. "Ci sono - dice - ci sono sempre stata, ma eravate troppo impegnati a fare...non vi siete soffermati ad ascoltare.

Intanto comincia a soffiare un forte vento freddo e la nave viene spinta verso una zona oscura, c'è nebbia e la visibilità è scarsissima.

I due si guardano negli occhi, se facessero quello che hanno sempre fatto si affretterebbero a cambiare la rotta, farebbero il possibile per dirigere la barca verso un'altra direzione, ma questa volta scelgono di aspettare, si danno la mano e respirano profondamente.

 

Il vento li spinge inesorabilmente verso la zona oscura e la nebbia diventa talmente fitta che non riescono più neanche a vedersi, ma sentono il calore della mano stretta l'una con l'altro.


Chiudono gli occhi, tanto non si vede niente, e chiedono silenziosamente alla Luce azzurro dorata cosa devono fare.

Niente, è la chiara risposta interiore, solo rilassarsi e avere fiducia.

Non avendo più nulla da perdere decidono di fare proprio così, si stringono forte e aspettano.

Il vento li spinge per giorni e giorni senza che loro possano vedere né fare niente, fino a quando la barca si incaglia.

 

A quel punto, andando a tastoni, scendono a terra e cominciano a muoversi piano piano. Procedono per mano, tranquilli e fiduciosi, la Voce interiore continua a rassicurarli... finalmente la nebbia si dirada e l'isola si mostra in tutta la sua Bellezza.

 

Image link: https://www.flickr.com/photos/tambako/4087637106/

Image link: https://www.flickr.com/photos/mfairlady/8639936083/

costellazioni familiari